Itinerari - www.pavoneviva.it

Vai ai contenuti
Gli itinerari
"A ritroso nel futuro", non è solo un ossimoro con la valenza di slogan.

E' un principio dinamico sul quale si innesta la filosofia che ha guidato l’intenso lavoro svolto per individuare, progettare e costruire questo percorso dove storia, fede e cultura si incontrano al centro dell’Anfiteatro morenico di Ivrea.

In una regione come il Canavese che è un insieme armonico e vibrante di paesaggio, lavoro, storia, costume, usanze, cultura, arte, ideali e realtà, Pavone offre un percorso in un territorio ricco di storia dove la tradizione industriale è riuscita a non infierire sulla natura, rispettandola, e dove le tappe per il ristoro della mente, del corpo e dello spirito si susseguono numerose.

Testimonianze artistiche di pregio, come la chiesa del complesso conventuale di San Bernardino, con il suo grandioso tramezzo affrescato da Gian Martino Spanzotti, emblematica testimonianza del passaggio dal Medioevo al Rinascimento, o come il Castello d’Andrade, certo più “giacosiano” che feudale, ma di indiscutibile suggestione, si intrecciano alle architetture dell’archeologia industriale, fabbriche di prodotti, un tempo, e di futuro poi, se si riuscirà a riconventirle effcacemente in luoghi di narrazione dell’attività e della cultura che hanno ospitato e che ha profondamente segnato, nell’apoteosi come nel declino, il territorio e la sua gente.

Il tutto in un ambiente di eccezionale fascino che sulla collina della Paraj Auta, conserva molte zone selvagge e consente ancora di entrare in contatto con la vita sviluppatasi nei boschi secolari e nelle piccole paludi e di osservare l’alternanza della vegetazione: quella tipica dei suoli aridi, sulla sommità, quella umida negli avvallamenti e i piccoli vigneti, nelle zone più assolate, radicati utilizzando ogni appezzamento disponibile. Un territorio dove anche il folklore è la risultante di diverse componenti culturali e tradizionali e genera feste popolari di campagna come la Patronale, nel mese settembre, che si intrecciano alla commemorazione di eventi storici remoti di carattere locale, come la rievocazione storica medievale, a giugno, celebrante la concessione ai pavonesi, il 7 giugno 1327, da parte di Palaynus de Advocatis, vescovo di Ivrea e conte di Pavone, degli Statuti che da allora hanno regolato la vita civile, sociale e religiosa, precisando non solo i doveri, le norme e le leggi cui attenersi, ma anche rendendoli cittadini consapevoli dei loro diritti di uomini liberi.




Piazza Municipio,1
10018 Pavone Canavese (TO) - Italy
Telefono: (+39) 0125.51009
Fax: (+39) 0125.516539
EMail: servizi.generali@comune.pavone.to.it
Torna ai contenuti